Prestito giovani a fondo perduto

Come si può immaginare, soprattutto in questo periodo di crisi economica, i giovani che si stanno affacciando sul mondo del lavoro, o che ancora studiano, non hanno molte possibilità di restituire alla banca i soldi ricevuti. In questi casi la scelta migliore è quella di sottoscrivere un finanziamento a fondo perduto, ovvero un prestito che non prevede la restituzione dei soldi investiti – né tanto meno degli interessi maturati. Nel caso dei giovani è possibile accedere a tali sussidi fino ai 35 anni, e seguendo un iter ben preciso.

Solitamente questo tipo di sovvenzioni sono ideali per i ragazzi che vogliono realizzare un progetto lavorativo, o devono far fronte a spese consistenti per riuscire a studiare e specializzarsi. Ne esistono tantissimi tipi, tutti diversi tra loro, ognuno pensato per rispondere a una particolare esigenza del ragazzo che lo sottoscrive. I soldi sono messi a disposizione da enti regionali o statali, ma anche dalla comunità europea.

      I finanziamenti per giovani impresari o start up sono mirati per aiutare i ragazzi a realizzare i propri progetti imprenditoriali. In questo caso l’ente mette a disposizione dal 35 al 50 % del capitale, che come già detto non si dovrà rendere. Il restante invece viene rateizzato con tassi agevolati per una durata massima di 5 anni. Così facendo si aiutano le giovani imprese a sostenere i costi di avviamento di un’azienda, agevolando la formazione di nuove cooperative e società (come s.a.s., s.n.c., s.a.p.a., s.s. e S.p.A.);

      Gli studenti possono ottenere del denaro utile a sostenerli durante il percorso formativo. I soldi possono essere utilizzati per pagare la retta universitaria o il costo del corso privato, l’acquisto di materiale didattico, ma anche per il sostentamento del richiedente durante gli studi (se lontano dalla sua abitazione). Tali finanziamenti sono frutto di convenzioni tra le università e le finanziarie, e sono a tasso agevolato. Come per il primo esempio, anche in questo caso ci sarà una parte del denaro che non siamo tenuti a restituire, mentre ciò che rimane avremo modo di saldarlo in qualche anno.

Per saperne di più in merito è possibile consultare il sito internet www.iprestitipergiovani.it.